Intervista a Thiago Macieira di KDE


Eccoci ritrovati per la quarta intervista della serie “Inside KDE”. Questa volta abbiamo scelto uno dei primissimi sviluppatori che ha contribuito a KDE e che continua a farlo in modo indiretto attraverso il suo lavoro su Qt. In particolare Thiago ha curato il codice riguardante DBUS su Qt. La nuova tecnologia che permette a più applicazioni di “parlare” tra di loro attraverso il D-BUS. In principio KDE usava DCOP, poi con il passaggio a KDE 4 si è scelti lo standard DBUS per avere miglior integrazione anche con altri ambienti Desktop.

Ecco a voi l’intervista.

Ciao Thiago, puoi presentarti ai nostri lettori?

Salve, il mio nome è Thiago Macieira, sono nato in Brasile 28 anni fa. Ho una doppia laurea in Ingegneria conferitami nel 2004, inoltre ho un MBA. Attualmente vivo ad Oslo, in Norvegia., dove lavoro sullo sviluppo del framework Qt per Nokia. Sono ancora coinvolto con alcune attività di KDE, ma non così tante come prima.

Quando hai sentito parlare di KDE?

Credo tra il 1998 o il 1999, non ricordo precisamente. Ero su IRC e qualcuno mi indirizzò su http://www.kde.org, che all’epoca presentava l’immagine di un computer e chiedeva se Unix era pronto per il Desktop. Ricordo che pensai: “sì, bene, questo progetto non avrà mai successo”.

In che parte di KDE dai una mano?

Ho iniziato occupandomi del codice di rete ed è quello l’unico codice carino che ho fatto per KDE: socket, KIO, ecc… Al di là di questo, ancora compilo KDE più spesso di molte altre persone, in modo da individuare e risolvere i problemi legati alla compilazione stessa. Dal 2001, ho solo usato la versione di sviluppo di KDE (tranne il periodo in cui KDE 4 non era ancora usabile), così rilevo i problemi e li segnalo su IRC.

Come parte della squadra di sviluppo Qt, aiuto a rendere questo framework il miglior prodotto possibile e mi assicuro che continui ad andare bene per le applicazioni e librerie KDE.

Quali sono le funzionalità mancanti nel software di KDE che pensi siano necessarie per avere un gran bell’ambiente Desktop?

Non lo so, credo sia già un gran bell’ambiente Desktop. Non credo si tratti di funzionalità mancanti – certo non mi si fraintenda, nuove funzionalità sono sempre benvenute, fornirle non crea disordine nell’interfaccia, piuttosto credo vada considerata stabilità, funzionalità, bellezza e continuità e il software KDE è già molto di questo, basta solo che continui a fare ciò che si sta facendo.

Quali sono le applicazioni di KDE che stanno facendo un buon lavoro? E quelle che necessitano di amore e di una mano?

Penso che un paio di applicazioni molto visibili che stanno facendo del loro meglio sono Plasma, Dolphin, Amarok e l’intera suite di KDE-Edu, di cui adoro KStars, ma hai ragione, ci sono molte altre applicazioni che necessitano di lavoro, responsabili, persone per fare le cose noiose che non sono per nulla vistose o visibili. Mi riferisco al codice delle librerie.

Cosa pensi dels oftware KDE su Windows e Mac OS X? È un modo per raccogliere altri utenti?

Credo sia importante continuare con questi sforzi per portare i vantaggi delle applicazioni di KDE ad altri. Ne va della libertà dei dati, perciò sono completamente a favore, tuttavia credo ancora che il mondo Unix sia più importante, visto che è il punto da cui siamo partiti e in cui abbiamo avuto successo.

Lavori per sulle Qt per Nokia? Ti pagano per sviluppare anche KDE? Di cosa ti sei occupato per Qt e di cosa ti occupi attualmente?

Sì, lavoro sul framework di sviluppo Qt e sono pagato per lavorare solo su Qt. Il lavoro sul software di KDE non è parte del mio impiego quotidiano, fatta eccezione quando provo Qt con il KDE Software Compilation (fare test non è il mio lavoro, mi capita di farne solo perché uso KDE SC con l’ultima versione di Qt). Il mio titolo lavorativo è “Senior Product Manager”, che significa che sono uno sviluppatore che non scrive. La mia occupazione principale consiste nel capire cosa le persone desiderano da noi, imparando cosa a loro piacerebbe che noi facessimo, quindi mi assicuro che le cose vengano fatte nel miglior modo per tutti, incluso per gli sviluppatori Qt.

Che futuro ha Qt in Nokia? Ora che Trolltech (ndr.: società norvegese che creò le Qt) è stata acquisita da Nokia, da un bel po’, cosa ne pensi? L’Open Source e affari possono evolvere assieme?

Il futuro di Qt in Nokia è molto brillante. Qt forma le basi della strategia software per intero; Qt è usato su tutti i dispositivi di fascia medio/alta che Nokia ha rilasciato negli anni passati e vedrai che ben presto saranno rilasciati veri e propri dispositivi Qt-powered. Oltretutto, Qt è anche il cuore di MeeGo, una distribuzione Linux gratuita per dispositivi embedded, mobili e similari, nata da una partnership tra Intel e Nokia.

Credo che abbiamo provato che affari e Open Source possono camminare assieme. Naturalmente, non è la fine di una sfida: abbiamo ancora parecchie cose da fare.

Cosa ti motiva/continua a motivare a lavorare sul software KDE?

Non saprei. Continuo a farlo e basta. :-)

Penso sia la comunità. Mi sento così amato che non mi va di perderla.

Se potessi scegliere dove vivere che posto sceglieresti e perché?

Ho scelto. Mi piace qui dove vivo ora.

Sei mai stato in Italia? Se sì, dove?

No, sfortunatamente la mia conoscenza dell’Italia si limita agli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Malpensa. Ho sempre l’intenzione di voler andare in Italia e restarci più di qualche giorno per visitare Roma, Pompei, Venezia, Pisa.

Qual è l’ultimo libro che hai letto?

L’ultimo libro di narrativa che ho letto è stato Star Trek in formato tascabile. Non sono sicuro di quale fosse, perché sono tutti messi sulla mia pila di libri appena li finisco. L’ultimo libro non di narrativa era “The Innovator’s Solution”, un testo di management dell’editore Harvard Business School press.

Thiago, grazie per il tempo che mi hai dedicato e buona fortuna per i tuoi progetti,

Giovanni

About these ads

One thought on “Intervista a Thiago Macieira di KDE

  1. Pingback: Intervista a Thomas McGuire di KMail « KDE (in) Italia e slacky – amici, nemici e modi di essere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...