KDE Italia — wants you


Gestire il portale italiano di KDE prende diverso tempo se si vuole un cosa fatta per bene, ma il problema non è questo. Se una cosa piace la si fa e la si fa pure bene, forse addirittura meglio di tutto il resto😀 . In fondo quando ho dato vita a questa idea, ovvero dare un punto di riferimento ufficiale agli italiani sapevo a cosa andavo incontro, o forse non completamente, visto che ci sono stati anche attacchi personali che cercavano di compromettere il lavoro fatto nell’ultimo anno e mezzo. Attacchi ricevuti nel periodo estivo, quando insomma c’è in genere più tempo libero a disposizione, fa caldo e non riesci a dormire la notte e la gente spesso non sa come impegnare il tempo. In fondo bisognava aspettarsi che una cosa del genere succedesse.

Esporsi così pubblicamente implica ricevere attacchi e critiche spesso… Poi in genere quando si fa qualsiasi cosa, e non c’è bisogno nemmeno di esporsi così tanto, c’è sempre chi ha da dire la sua cercando di invalidare qualsiasi cosa buona si faccia. Ecco perché proprio nel periodo estivo ci sono stati ben pochi aggiornamenti sul sito, sì perché anche se si aveva tempo per farli, bisognava litigare con gente che doveva impegnare il tempo per far passare le lunghe giornate oziose che in genere sono trascorse tra amici, mare, attività all’aria aperta e lavoro e che invece per qualche arcano motivo nerd in quel caso venivano passati dietro lo schermo e la tastiera di un computer…

Lanciamo le polemiche e i momenti negativi nel cestino (o in /dev/null se preferite restare nell’ambito nerd😉 ). A settembre sono ripartito con uno spirito diverso e ho capito che se mi volessi soffermare su ogni critica/attacco, pesante o meno che sia, allora non avrebbe senso continuare a impegnarsi per la promozione di KDE. Con il Linux Day ho presentato il nuovo portale e da quel momento ho trovato molte persone davvero disposte a dare seriamente un mano, con fatti concreti.

Perché non dare la possibilità a chi già scrive piccole recensioni e articoli vari su KDE sul proprio blog/sito di entrare a far parte della nostra redazione? Tutti ne possiamo guadagnare da ciò. C’è un sito italiano, perché non fruttarlo? E visto che un sito di KDE è fatto principalmente di utenti KDE, perché non pemettere a chi ha tempo e voglia per davvero di aiutare a migliorare ancora di più? Esiste anche un forum. Usiamo🙂 . Gli articoli, commentiamoli se ci piacciono, se non ci piacciono, ecc…

L’appello fatto anche il altre sedi è e resterà sempre valido:

«Stiamo cercando nuove persone per darci una mano a inserire contenuti e a creare un sito di tutto rispetto per informare tutti su KDE. Usi GNU/Linux, FreeBSD, OpenBSD, NetBSD? KDE è il tuo ambiente grafico preferito? Vuoi mettere a disposizione il tuo tempo? … allora abbiamo bisogno di TE!

Contattaci all’email:
wewantyou__NOSPAM__kde-it__NOSPAM__org
»

(sostituite il primo __NOSPAM__ con @ e il secondo con .)

Ovviamente la conoscenza dell’inglese è quasi fondamentale. Certo è possibile fare recensioni e scrivere articoli su KDE e applicazioni varie senza conoscere l’inglese, ma se poi ci serve un motore di ricerca per trovare sull’argomento di cui vogliamo scrivere, l’inglese è una tappa obbligata. Ci sono interviste da prepare e da inoltrare a vari sviluppatori. Ci sono cose che non sono in programma e che con il tuo aiuto possono entrare in una lista di compiti… Sì, perché se hai un’idea e voglia di realizzarla tramite il sito della comunità italiana di KDE naturalmente sei il benvenuto. Se non ami mandare direttamente un’email e preferisci un form, vedi che sul sito nella sezione contatti puoi riempiere i campi, presentandoti e segnalandoci la tua disponibilità.

Grazie.

7 thoughts on “KDE Italia — wants you

  1. Se la gente leggesse le tue email capirebbe a che livelli siamo. Tu e sto IRC hai la fisima. Su IRC si dicono tante cose e si fraintende… Si sfotte, si ironizza e non si dice ciò che si pensa. Le email non sono fraintendibili. La tua parte l’hai fatta bene e continui a farla. Buon Natale.

  2. È emersa una cosa fondamentale in tanti anni di impegno per l’opensource: emarginare i nerd asociali è una tappa obbligatorio. Il resto è una grande nave da guidare con coscienza e grande spirito di consapevolezza culturale, oltre che con consapevolezza del presente, del futuro e dei progetti.

    C’è bisogno del tuo impegno.
    Che sia un libero 2008, Slacky!

  3. Ragazzi ribadisco solo questo… siamo grandi e vaccinati … perchè ci dobbiamo fare la guerra non serve a nulla, le cose per farle e bene vanno necessariamente condivise con tutti più siamo meglio stiamo, se poi ci separiamo non possiamo raggiungere un dato obbiettivo e cioè la SOLIDARIETA’. buon natale a tutti e che il pinguino sia con voi….

  4. In un mondo ideale avresti ragione. In un mondo reale ti sbagli. La guerra l’hanno fatta a me per motivi molto discutibili e alcuni non sono nemmeno maggiorenni o sono appena maggiorenni, questo per rispondere al “siamo grandi e vaccinati”. Ho detto tutto. Ancora auguri. Non serve fare commenti oltre perché non era lo scopo dell’articolo. Scopo è ricercare nuova gente che collabori per dare a tutti possibilità. Ciao.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...