signori e signore ecco a voi KDE 4.2…


«Ecco… Ci siamo… Wow… Come la chiamate?»

Un attimo di riflessione e poi: «Che ne dice di “The Answer”?»

«The Answer?»

«E sì. Diciamo KDE 4.2 – The Answer.»

La risposta e gli albori di KDE 4

Certo, KDE 4.2 – La Risposta. Mai un sottotitolo fu più adatto. Sì, ma risposta a chi, a cosa? Alle tante persone che hanno detto che KDE 4 era finito (confondendo 4 con 4.0, sottile differenza, ma sostanziale), era il peggio che il Software Libero avesse prodotto. È una risposta verso tutti quelli che chiedevano: “Quando avremo stabilità e funzionalità?” Il nuovo ambiente Desktop soddisfa più persone e dà queste risposte. Ora la neo-nata versione è usabile in ambiente di produzione. Diciamo che la 4.0 non era assolutamente proponibile se non a sviluppatori. Priva delle solite caratteristiche di stabilità e pulizia tipiche di KDE, era una versione molto alpha, molto instabile, con molte funzionalità, rispetto alla versione 3.5, andate perse. Non solo, ma ricordo il mio sguardo strabuzzato quando compilai la 4.0.0 e aprendo kopete vidi che non si poteva aggiungere uno solo account di messagistica istantanea. Orrore allo stato puro.

«Come hanno potuto farlo?» mi chiesi. «Era uguale se non rilasciavano kopete. Il male allo stato puro. Ma siamo impazziti? È vero che è Software Libero e si corregge con la prossima versione, ma si parte con il piede sbagliato.»

Era solo una delle tante cose che non andavano nella 4.0.0. Segnalai il bug di Kopete e dopo un po’ di tempo Will Stephenson, insieme a qualche altro, capì che il problema era nella generazione delle traduzioni per gli account. Il bug ora è ovviamente corretto, in pratica fu corretto nel giro di qualche settimana, forse anche meno, non ricordo. Ma, come dicevo, non era l’unico. KDE 4.0 era zeppa di bug e di cose che non c’erano più e che non si potevano fare. KDE 4.1 fu già un passo avanti. Molte funzionalità tornavano a posto, ma ancora non era il massimo, inoltre le tecnologie «sotto il cofano» (under the hood) erano poco sfruttate dalle varie applicazioni.

KDE 4.2 è “La Risposta”. Ci sono molte belle cose e molte applicazioni sono state riscritte con in mente le nuove infrastrutture, penso ovviamente a quelle applicazioni del PIM (Personal Information Manager) che gestiscono per l’appunto le informazioni personali usando la neo-nata infrastruttura akonadi, nuova di zecca. Non tutte le applicazioni ne fanno ancora uso, per esempio KMail ancora non usa akonadi, ma lo farà😉 . Ci sono ancora molte cose da sistemare. Applicazioni da adattare a KDE 4. Per esempio Quanta necessita di tanto amore, infatti non è stata ancora adattata e gli sviluppatori originali non hanno il tempo di una volta. KDevelop è ancora in evoluzione, anche perché allo stato attuale ha molte poche cose da far vedere. Il mese scorso la compilai e scoprii che aveva solo la possibilità di creare applicazioni Qt4 con qmake e cmake. Troppo poco per un rilascio. In pratica sono spariti tutti i linguaggi e le estensioni che si avevano in KDevelop 3.5, o magari sono stati appositamente commentati etolti dalla compilazione perché non funzionanti? Non saprei. K3b (applicazione di masterizzazione CD/DVD) ancora non è completa e anch’essa ha bisogno di tanto amore. Konversation (il client per la chat IRC) ancora non è stato adattato alle librerie di KDE 4, ma proprio mentre scrivo questo articolo, giusto ora vedo i primi commit su trunk… hanno iniziato a lavorare alla versione per KDE4 pochi istanti fa🙂 . KOffice 2.0 ancora è in alto mare anche se ci sono parecchie novità e cose interessanti nel calderone. Spero che il rilascio della 2.0 sia al livello di KDE 4.2 e non nello stile KDE 4.0.

Segnalare i bug aiuta

Bisogna aiutare la comunità. KDE, KOffice, K3b, ecc… non sono applicazioni proprietarie, ma è Software Libero, c’è il codice sorgente a disposizione di tutti e chiunque può aiutare. Non fosse altro, ma provarla, segnalare i bug, le funzionalità che si desiderano. Molti stress test da parte di tutti permetteranno di aver qualcosa di migliore. E credetemi, che sono cose che servono. In 6 mesi dico che la squadra di KDE ha fatto quasi miracoli. Non c’è paragone tra la 4.2 e la 4.1 e non c’è assolutamente confronto con la versione 4.0. Un abisso. Che Linus Torvalds pensasse al suo codice e che si documetasse prima di fare certe affermazioni, ma ne parleremo in un altro articolo.

KDE 4.2

Ma allora questo KDE 4.2 è buono o no? Certo. È ottimo. Le novità che colpiscono al primissimo impatto sono quelle legate alla grafica, agli effetti speciali. Molti utilizzavano già Compiz per far ruotare i desktop su un cubo, per avere effetti vari e altro e l’integrazione con KDE ne soffriva. Ora KDE 4.2 permette di avere integrati già un bel po’ di effetti in stile Compiz, ma per chi fosse proprio legato a Compiz può usarlo spuntando la giusta opzione nella finestra di configurazione e quindi avere la sua bella integrazione. KMail si mostra più rinnovato che mai. Diversi miglioramenti piccoli e grandi nelle varie applicazioni (leggi qui). Centinaia di bug corretti.

Dolphin e Konqueror hanno fatto grandi passi. E la soddisfazione più grande in assoluto è vedere come una mia whislist sia diventata un punto di forza di Konqueror 4.2🙂 . O almeno uno dei punti forza. Avete presente la ricerca di Firefox? Che vi apre una casella di testo in basso al browser, voi digitate il testo nella casella e lui vi trova e mette in evidenza le parole nel testo? Ebbene oggi c’è pure in Konqueror grazie agli sviluppatori che se ne sono occupati quando ho segnalato la cosa. E pensare che avevano chiuso il bug dicendo che la ricerca già esisteva. E io in tono un po’ polemico dissi: “chiudete il bug dicendo che non c’è tempo di realizzare la funzionalità come l’ho descritta o che non vi piace l’idea, ma non chiudetela con una motivazione errata”, così fu riaperta, votata da altri e alla fine eccola in Konqueror 4.2 . Ecco perché amo KDE. Perché anche con una banale segnalazione di un “wishlist”, ovvero del desiderio per una nuova funzionalità, ti rende in parte protagonista. È ovvio che i veri protagonisti sono quelli che alla fine si sono messi e hanno scritto il codice. Diciamo io al 5%, quelli che hanno votato e sostenuto la cosa un altro 5% e gli sviluppatori che hanno implementato e dato forma alla cosa il restante 90%. Come l’ho fatto io può farlo chiunque. Perché KDE è mio, è tuo, è nostro🙂 . Nuovi protocolli di messagistica istantanea sono finiti in Kopete e si prevede l’utilizzo delle specifiche aggiuntive di Google al protocollo Jabber (il jingle) per la realizzazioni di chat video e vocali su protocollo jabber e, ovviamente, su account gmail da kopete😉 . Parecchie migliorie anche nei giochi, aggiunta di nuovi giochi molto apprezzati dal mio nipotino. E non dimentichiamo del lavoro di Dario Freddi con il Power Devil per la gestione di vari aspetti del cosidetto Power Management, ovvero il gestore dell’energia, nei portatili e nei dispositivi mobili in generale. Diego lo ha anche intervistato e poi abbiamo publicato l’intervista prima su KDE Italia (qui), poi abbiamo mandato la versione in inglese sul dot.kde.org dove siamo in attesa di pubblicazione.

C’è Amarok 2 che già va da KDE 4.1, che ha aggiunto un po’ di cose e tolte altre. Naturalmente quello che manca arriverà nelle prossime versioni😉 e la squadra di Amarok è super gasata🙂 . Ne vedremo delle belle. Poi KMPlayer che pemette la registrazione di flussi audio/video e la riproduzione degli stessi. C’è Kdenlive per l’acquisizione e l’elaborazione video. Poi c’è digikam per l’elaborazione e l’estazioni di foto dalla fotocamera digitale, che secondo me fa molte, ma molte, più cose di una applicazione proprietaria corrispondente che ora funziona anche sotto Mac OS X (leggi qui). Tutto KDE 4 funziona sotto Mac OS X e anche su Windows se volete, ma le applicazioni, non il Desktop in sè.

Le mie sono chiacchiere. Proviamo KDE 4.2 e vedrete che ognuno di noi può dare un punto a favore di questo bel progetto perché ha soddisfatto le proprie esigenze per qualche motivo. Segnalando le cose che non vanno, i crash e le funzionalità avremo qualcosa di migliore versione dopo versione. E in ogni caso se ci si intende di C/C++ si impara facilmente Qt4 e si può dare una mano in modo molto più addentro al progetto mandando patch e pezzi di codice.

Al solito mi sono completamente perso nelle parole e ho abbastanza divagato non dando la piena idea di cosa è e cosa fa KDE 4.2. In ogni caso ci sono dei screencast inclusi nell’annuncio fatto su KDE Italia: qui Guardateli che valgono più delle mie parole.

In ogni caso il 7 febbraio ci sarà il KDE 4.2 Release Party a San Giorgio a Cremano dove vedremo insieme, dal vivo, KDE 4.2 in azione e dove potrete conoscere almeno 3 persone di KDE Italia. Spargete la voce se vi interessa e, se avete sempre usato Windows, fate un pensierino sul cambiare sistema operativo perché KDE 4.2 è stato ottimizzato anche per i netbook🙂 . Non vi dico in che modo e in quali parti. Lo scoprirete di persona o il giorno 7.😉

Alla prossima.

8 thoughts on “signori e signore ecco a voi KDE 4.2…

  1. Pingback: Rilasciato KDE 4.2 « ::: Black BlisS :::

  2. Mi fa molto piacere che KDE 4.2 sia giunta in così poco tempo ad un buon livello di maturità. Davvero.
    Però non posso dimenticare cosa mi sono sentito dire dai sostenitori sfegatati di KDE 4 quando all’uscita lo provai e rimasi inorridito. Di tutti i colori me ne hanno dette.
    E il problema, alla fine, era solo un problema di marketing.
    Ovvero, qualche “genio”, non credo uno sviluppatore, ha preteso di far uscire una versione alfa, o magari beta giovane, accompagnata dalla grancassa che sarebbe spettata ad una versione stabile, senza dire chiaramente qual’era lo stato delle cose. Inoltre, tutto lo sforzo promozionale verso gli utenti, era puntato sugli eye candies e sulla “figosità” delle novità più appariscenti.
    Uno insomma, che se fosse stato un finanziere lo assumevano subito alla Lehman Brothers per la mentalità…
    Io, che non so programmare, ma come utente desktop sono decentemente competente, decisi di rimanere sulla 3.5 e lo dissi pubblicamente in varie sedi (buu… vecchio… conservatore… nemico del progresso…)
    Ecco, oggi gioisco per due motivi: uno che la 4.2 sia qualcosa di veramente buono e due che un membro di KDE Italia mi dia in qualche modo ragione.
    Adesso posso iniziare a pensare alla migrazione…. 😉
    Franz
    Energia Nucleare ???
    No, Grappa !!!

  3. Non si è trattato solo di un problema di marketing, ma anche di qualcos altro: quando uscì KDE4 ero un utilizzatore di ubuntu, con Kde 3.x. Una volta provato il Kde4 non sono più riuscito a tornare indietro al 3, non nel senso che mi piaceva troppo il 4, ma proprio che non c’era modo di rimettere in piedi il 3. A tutt oggi non ho ancora capito se la ubuntu attuale e la prossima supportino il kde3, se non la supportano dobbiamo supporre che anche gli sviluppatori di Ubuntu avessero considerato almeno la 4.1 come una release stabile.
    Alla fine, visto che non avevo tempo né voglia di fare prove su prove, sono tornato a Slackware, che almeno ha un 3.x più che stabile. Un mio collega ha installato il 4.2 sulla sua macchina, bene o male ha funzionato, ma la diminuzione di velocità si è fatta sentire sensibilmente, e già sapere questo mi fa pensare che resterò al 3.x per un certo tempo ancora.

  4. “the answer” ha anche un altro significato: è un riferimento alla guida galattica per autostoppisti. Maggiori informazioni se cerchi in google: 42 the answer

  5. @DPY:
    con la 4.2 la velocità non si è ridotta rispetto alla 3.5, poi ovviamente i progressi sono e saranno in corso d’opera come tutte le cose, poi si attende anche Qt 4.5 che naturalmente promette ulteriore velocità oltre che supporto sempre crescente su vari campi e migliorie su webkit e varie🙂 .

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...