Linux e KDE 4.6.1…


Di recente c’è stata la nuova versione di KDE. La 4.6.1, l’aggiornamento che corregge i bug della 4.6.0.

Ci sono novità e regressioni.

Ho installato di recente su un netbook KDE 4.6 impostando l’interfaccia per netbook e dispositivi con poco spazio di lavoro, quella di Plasma sviluppata da Marco Martin che ricorderete essere stato intervistato in questo spazio. Una bellissima interfaccia che quasi quasi mi è venuta voglia di usare anche sul Desktop🙂 .

Eppure KDE 4.6 ancora non è pronto per il Desktop, cioè lo è e non lo è.

Vediamo prima i punti a sfavore.

I problemi di KDE 4.6

Aggiornamento da 4.6.0 a 4.6.1. Una regressione: quando si avvia KMail all’inizio si apre una bella finestrella simpatica con una sfilza di messaggi d’errore riguardati Akonadi. Il bug era presente in KDE 4.4 o forse 4.5? Non ricordo. Nel 4.6.0 era stato risolto e ora eccolo di nuovo qui bello presente in evidenza:

akonadi regression

akonadi regression da KDE 4.6.0 a KDE 4.6.1

E tutto ciò per un aggiornamento che doveva solo portare correzioni di bug. Aspetteremo KDE 4.6.2 magari con una nuova versione di Akonadi. Ricordate il bug che porta a dover chiudere e riaprire KMail se si sbaglia a digitare la password per gli account IMAP? È ancora presente🙂 . Giustamente, se non ci sono rilasci di KDEPIM non può ritrovarsi corretto.

La promessa versione di KDEPIM 4.6 alla fine non c’è stata più per KDE 4.6. Sono ben due versioni principali che PIM non viene più rilasciato. Ci sono le vesioni KDE 4.4.x compatibili con la 4.6, ma non ci sono novità. Meglio così piuttosto che rinunciare ad avere KMail e tutto KDEPIM, almeno stavolta si evitano cose come KDE 4.0. Basterà attendere magari KDE 4.8 o 4.9. Però bisognerebbe evitare di introdurre regressioni per banali aggiornamenti di correzioni di bug.

Il gioco di Knights promesso nelle versioni beta di KDE 4.6 alla fine non è stato incluso. Poco male. Si può comunque includerlo con altri pacchetti se si vuole giocare a scacchi con KDE. In ogni caso esistono altre applicazioni extra KDE che permettono lo stesso di fare la stessa cosa. La nota eboard e la sua interfaccia xboard.

KTuberling 0.6 incluso in KDE 4.6 subisce gravi traumi. Me l’ha fatto notare mio nipote piccolo che vi ha rinunciato a giocare. Era il suo giochino preferito… Il patatone… Pazienza. Ogni volta che si sposta un elemento nell’immagine centralle c’è il trauma per l’applicazione che si ferma a pensare cosa deve fare e si incasina, incasinando l’utente coi clic del mouse. Unica soluzione: chiudere e lasciar perdere.

Le applicazioni per stampare ancora rasentano di una finestra di stampa incompleta. Per stampare la pagina X di un documento, oppure la sequenza di pagine X, Y, Z, … bisogna dire di stampare l’insieme di pagine da X a X, poi dopo da Y a Y, poi ancora dopo, da Z a Z e così via. Senza strumenti delle distribuzioni specifiche non si può installare una stampante su KDE. Questa finestra di dialogo sfrutta l’infrastruttura Qt che ha espressamente dichiarato di non voler introdurre nuove funzionalità in questa ramo, per evitare regressioni. Daniel Nicoletti che stava sviluppando un’interfaccia in C++/Qt per avere un print manager non basato su python e che permettesse di recuperare le funzionalità perse con KDE 3.5 purtroppo non ha avuto più tempo per finire le funzionalità che aveva fin’ora realizzato😦 .

Tutto ciò lede pesantemente su Linux e il suo avanzamento sul Desktop. KDE è ancora molto esigente di risorse. L’hardware che ho è sempre lo stesso, ma i bug spesso si ripresentano, anche dopo diverse versioni. Malissimo non va, soprattutto se si pensa ad alcuni sistemi operativi proprietari.

Altra regressione riguarda il kioslave sftp che permette di copiare da un server ssh remoto i file in locale e viceversa. Non si possono copiare i file che hanno accenti particolari, per esempio, se un file in remoto si chiama trallallà.txt, KDE non riuscirà a trovarlo. Tutto questo perché c’è la codifica che non corrisponde. Probabilmente si usa un UTF-8 abusivo in vece della codifica standard del sistema. Su entrambe gli host (locale e remoto non c’è UTF-8). Assomiglia al bug di codifica di cui soffriva Phonon. Magari il bug è dentro libssh che viene usato per questo kioslave, oppure è dentro il kioslave sftp? Ai posteri l’ardua sentenza… Andrebbe segnalato il bug, andrebbe, ma già immagino una delle possibili risposte: “perché non usi l’UTF-8?”. Ad avere tempo e pazienza si potrebbe segnalarlo. Questa regressione non so quando sia stata introdotta. Non ho copiato un file con vocali accentate da un po’ di tempo, magari era presente anche in KDE 4.5 e/o 4.4, chissà… C’è una soluzione. Usare la riga di comando e dare botte di scp… e la copia viene fatta senza problemi dall’utente esperto.

Diciamo che sono bug di cui l’utente medio non si accorge, ma sono lì presenti, under the hood, come dicono gli inglesi.

Ah, dimenticavo… Okular non apre correttamente gli ePUB. Pazienza. Ci sono altri lettori del formato ePUB in giro. Inoltre la notifica audio è diventata più lenta. Non si usa più xine come backend per Phonon, ma di nuovo GStreamer, inoltre ci sono le prime versioni di Phonon-VLC.

I bug risolti di KDE 4.6

Finalmente posso dire che alcuni bug molto antipatici che si portava dietro sono stati risolti. Vi sicordate i miei articoli sul futuro di KDE 4.6?

KWin e gli effetti speciali? Solo due giorni fa sono tornati a funzionare anche sul netbook con scheda integrata Intel. Sulle schede ATI era successo tipo 3-4 settimane fa.

Il bug sulla codifica dei file e Phonon è stato risolto davvero.🙂 Non ne potevo più di dover andare di linea di comando per ascoltare alcuni brani. Il KIO slave sftp è ancora lento, così tanto che quando si sta eseguendo un’operazione di copia è impossibile navigare nel file system remoto relativo. Ark ha ancora le sue brutte fissazioni e il problema del estrazione su directory remote (kioslave sftp, samba, ecc…) .

Finalmente è possibile di nuovo cancellare, tramite il protocollo kioslave di webdav, le directory remote create.

Non c’è più la dipendenza da HAL per KDE, quindi, per esempio, le unità aggiunte al volo (memorie di massa USB) sono gestite diversamente.

Conclusione

Il ritardo della risoluzione di alcune problematiche critiche impedisce la spinta di Linux verso il Desktop. Sono poche cose che rallentano, ma, a volte, importanti. Magari con Gnome queste cose non succedono, oppure vengono risolte diversamente, ma essendo utente KDE non posso esprimermi visto che non ho mai usato Gnome.

Il problema poi sono anche legati a Linux stesso. Per esempio sul Samsung Netbook N150 i fasti funzione della luminosità non sono riconosciuti correttamente e KDE impedisce di definire una procedura o un comando da associare a una combinazione di tasti standard come per l’appunto il contrasto. KDE capisce che è stato premuto il tasto speciale per il contrasto, ma impedisce di dirgli cosa fare.

Naturalmente il discorso intreccia produttori di hardware con chi sviluppa il kernel Linux e con chi produce il software dell’interfaccia KDE, per non parlare della trovata geniale di Nokia di mettere sui propri nuovi telefoni Windows anzicché Symbian. Dopo tutto lo sforzo fatto per portare Qt a Symbian. Una cosa geniale. Con conseguenze anche su quello che è lo sviluppo di KDE che è legaro a Qt, che pare sarà ancora sviluppato da Nokia, ma ovviamente non potrà avere la stessa evoluzione di prima.

I soldi si possono investire solo da qualche parte visto che sono quelli. Non possiamo sapere a priori cosa accadrà, ma pare che le cose dovrebbero continuare in tutta normalità. Magari tra un anno si tireranno i bilanci. Certo è che nessuno può investire in eterno in Software Libero. Nokia ha fatto una grande cosa aprendo il codice di Qt alla comunità. In Italia non conosco aziende che si interessano al Software Libero finanziandolo. Credo che qui quelli che hanno un’azienda che dà il suo contributo al Software Libero che usa si contino sulle dita di una mano. All’estero è tutta un’altra canzone, ma questo già lo sapevamo, no?

Benché quest’articolo possa sembrare una mera critica a KDE non lo è. Io lo uso quotidianamente da quasi 10 anni e sono parte del KDE e.V. Erano solo alcune riflessioni su alcuni funzionalità con piccoli bug, cose molto specifiche che un utente normale potrebbe non notare mai, ma anche sì. Come non mi aspettavo di veder risolto il bug di Phonon che credevo abbandonato (parlo del mio bug report), così vedremo nelle prossime versioni sicuramente correzioni, almeno si spera. Al solito se qualcuno se ne intende di C++ e ha tempo e volontà di accelerare le migliorie faccia un pensierino ad entrare tra i membri che creano e fanno evolvere KDE. Io tempo non ne ho😦 .

aggiornamento 11 marzo

Usando il kioslave sftpcon konqueror  e cercando di copiare file da un host A verso un host B non accade nulla: ho aperto un bug .

aggiornamento 13 marzo

Mi viene da ridere per non piangere. Andiamo di male in peggio. Phonon. Aggiornarlo dalla versione 4.4.3 alla 4.4.4 ha reintrodotto il bug… Ma stiamo scherzando? Da una sottoversione all’altra. Non ce la posso mai fare!

Ecco il bug per gli affezionati: 226329 .

aggiornamento 19 marzo

Allora, il bug 226329 si riferisce al nuovo backend di Phonon, ovvero VLC-Phonon. Reimpostando quello di default a Xine il problema non sussiste più. Ma VLC-Phonon è quello su su cui KDE 4 si baserà principalemente nelle prossime versioni, quindi va comunque sistemato.

Alla prossima.

9 thoughts on “Linux e KDE 4.6.1…

  1. Pingback: Linux e KDE 4.6.1… - KDE (in) Italia e slacky - Webpedia

  2. Ciao, bell’articolo veramente.

    Purtroppo hai ragione in tutto. Confermo il buon funzionamento di KDE + driver ATI open sul mio netbook Asus 1201T (HD3200, quelli ufficiali funzionano male!).

    Comunque sono ancora alla 4.6.0 e non mi sembra così male, anzi!

  3. Confermo i problemi di stampa con il 4.6.0, devo ancora provare con il .1 e la stampante in ufficio… comunque Phonon nel mio pc usa ancora Xine come backend (e quello gstreamer non l’ho nemmeno installato), in attesa di VLC stabile.
    Il discorso KWin + ATI non so, a me funziona tranquillamente da diverso tempo, usando i driver proprietari (quelli liberi non mi gestiscono lo scaling), con le Intel non posso dire nulla dato che sul netbook non tengo gli effetti attivi (non vedo perchè sprecare CPU e quindi batteria).

  4. per non parlare della trovata geniale di Nokia di mettere sui propri nuovi telefoni Windows anzicché Symbian. Dopo tutto lo sforzo fatto per portare Qt a Symbian. Una cosa geniale. Con conseguenze anche su quello che è lo sviluppo di KDE che è legaro a Qt, che pare sarà ancora sviluppato da Nokia, ma ovviamente non potrà avere la stessa evoluzione di prima.

    http://www.digia.com/C2256FEF0043E9C1/0/405002251

    • Poi ho aggiunto: “Non possiamo sapere a priori cosa accadrà, ma pare che le cose dovrebbero continuare in tutta normalità.” Ovviamente l’affare Qt/Nokia/e/vari è in continua evoluzione e detta una cosa questa già diventa vecchia dopo 2 giorni visto che sono subentrati nuovi fattori/società🙂 .

      • Lo so🙂 . Lo fecero pochi mesi dopo la nascita di KDE e lo rinnovarono tempo fa. Ne parlai anche al Linux Day a Roma qualche annetto fa😉 . Ecco perché in teoria(e anche in pratica) non dovrebbe accadere nulla di che. In fondo le acquisizioni sono all’ordine del giorno🙂 . Però comunque certi equilibri si stabilizzano con un po’ di tempo e poi siccome KDE non vende software, ma lo da liberamente sta a posto, però avrei comunque preferito vedere Symbian sui Nokia e non Winzoz.

  5. ottimo lavoro!
    quello che mi sconsola è che hanno distrutto kmail per davvero! e senza rimedio alcuno: ogni mese penso di abbandonarlo definitivamente, poi mi dico “aspettiamo”, e invece è sempre peggio… che peccato

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...